Medicinali gratis per il tuo viaggio. Ecco come fare

Medicinali gratis per il tuo viaggio. Ecco come fare

I farmaci sono come l’assicurazione. Non ci pensi finché non ti servono. 

Il mio astuccio per le emergenze mediche assomiglia ad una mini farmacia portatile. Yin mi prende sempre in giro per questo, ma ammette che la mia previdenza ci ha salvato diverse volte durante i viaggi.

Dopo anni di scorribande per il mondo ho messo a punto un sistema per avere a portata di mano tutte le medicine utili per i disturbi più comuni del viaggiatore. Possibilmente spendendo il meno possibile o non pagando nemmeno un centesimo.

La maggior parte dei miei medicinali muoiono di morte naturale, ossia arrivano alla loro scadenza intatti o usati solo in parte. Nel corso degli anni non diventa solo uno spreco economico, ma anche un dispendio di risorse. Pensate alle procedure di smaltimento dei prodotti farmaceutici.

Per ovviare in parte al problema ho cominciato ad usare confezioni con un numero ridotto di pillole o bustine. Occupano meno spazio e in caso di necessità ci sono buone possibilità di finirle tutte.

Ma dove procurarsele?

Facile, dal vostro medico curante!

Diversi anni fa il mio dottore, con cui ho uno splendido rapporto di stima e amicizia, sapendo del mio imminente viaggio in una zona del sud est asiatico particolarmente selvaggia mi riempì di medicine oltre che di utilissime raccomandazioni.

Euro spesi? Zero!

Quando gli chiesi come mai avesse più medicinali di un bunker antiatomico mi rispose che l’armadio dello studio traboccava letteralmente e che la maggior parte finiva per essere buttata a causa dell’inutilizzo.

La totalità di questi prodotti viene lasciata da informatori scientifici durante le loro visite periodiche.

Dovete sapere che i campioni di medicinali sono un po’ come i campioncini di profumo, hanno un contenuto di prodotto minimo rispetto alle confezioni in vendita.

Ma per chi viaggia e ha problemi di spazio, e soprattutto per chi non fa uso continuo di farmaci, non c’è bisogno di sprecare soldi e pillole.

Così prima di ogni partenza per lunghi periodi o per paesi lontani mi reco dal mio dottore per una visita generale e torno a casa con una bella busta colma di medicine.

Questo sistema mi permette di risparmiare parecchio. Anche con soli 15 euro di risparmio, in Thailandia posso pagarmi una cena per due con bevande incluse. Perché regalare soldi alle compagnie farmaceutiche quando invece posso mangiarmi un bel piatto locale o comprare dei souvenir per i miei cari?

È pur vero che in tanti paesi i medicinali costano pochissimo, ma se capita di sentirti male nel cuore della notte quando alloggi in un albergo nella foresta del Borneo o alla periferia di Kota Kinabalu (esperienze personali) non sarai nelle condizioni di metterti a cercare una farmacia aperta.

In alcuni paesi c’è poi il problema dei medicinali contraffatti. Nella migliore delle ipotesi si tratta di sostanze inerti, ma a volte possono essere medicine scadute e riconfezionate o chissà cos’altro.

Meglio non rischiare, soprattutto quando si è lontani da casa.

Quali medicine portare?

Inutile riempirsi di scatole e sciroppi per ogni tipo di malanno. Basta tenere con sé i farmaci da banco più comuni e quelli per i propri acciacchi cronici. Io ad esempio mi porto Cetirizina perché soffro di rinite.

Controllate se sono attivi avvisi speciali in materia di vaccinazioni o emergenze sanitarie nel paese che intendete visitare su viaggiare sicuri.

In alcuni paesi in via di sviluppo potrebbe essere difficile reperire antibiotici o anche medicine di uso comune.

Se programmate di fare escursioni di qualche giorno in zone rurali di paesi tropicali sarà meglio portarsi qualche farmaco in più e un disinfettante tipo Betadine, oltre a repellenti per zanzare contenenti DEET.

Per chi fa escursioni nella natura e per gli amanti degli sport è consigliabile portare con sé un kit di pronto soccorso.

Ecco una lista utile per la maggior parte dei viaggi; di solito riesco a procurarmi tutto dal mio medico a costo zero:

  • Disinfettante (per ferite ed escoriazioni, tipo Betadine)
  • Analgesico (contro il dolore, tipo Ibuprofene)
  • Pomata cicatrizzante e antibiotica (per le ferite, necessaria nei paesi tropicali)
  • Antistaminico (contro allergie e reazioni allergiche)
  • Antipiretico (per abbassare la febbre, come il Paracetamolo)
  • Anti-diarroico (Loperamide)
  • Antibiotico a largo spettro d’azione (tipo Amoxicillina)
  • Disinfettante intestinale (contro le infezioni batteriche intestinali che causano diarrea)
  • Fermenti lattici (per contrastare gli effetti collaterali degli antibiotici e come coadiuvante per le infezioni intestinali)
  • Crema contro le distorsioni
  • Termometro (digitale)
  • Cerotti e garze sterili
  • Crema contro punture d’insetti e prurito
  • Antiacido
  • Qualsiasi altro medicinale utile ai propri bisogni (contro il mal d’auto, allergie, etc.)

Per i portatori di lenti a contatto anche un collirio contro le irritazioni e una buona scorta di liquidi lubrificanti.

Per chi si espone al sole sarà utile anche una crema contro le scottature solari.

Alcune delle medicine che mi porto in viaggio (un po’ ammaccate)

Casi particolari

In alcuni paesi è necessario accompagnare determinate medicine con la lettera del medico curante e conservarle nella scatola originale completa di foglietto illustrativo. Non parlo di farmaci da banco naturalmente, ma di quelli per curare patologie croniche o gravi (diabete, asma, malattie cardiovascolari, ecc.).

In questi casi è consigliabile fare una ricerca su Google mettendo il nome del principio attivo e quello del paese in cui si vuol viaggiare per capire se sia di facile reperibilità e chiedere consiglio al proprio medico prima della partenza.

In questi casi è meglio portare con sé il doppio dei farmaci necessari alla durata del viaggio e conservarli sempre nel bagaglio a mano.

Bene, ora che sapete come procuravi le vostre pozioni magiche prendete appuntamento dal vostro medico e non dimenticate di portarvi un borsello capiente.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *